Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 27 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Lo strumento della certificazione e il d.lgs. 231/2001: polisemia ed interessi sottesi nelle diverse prescrizioni normative

La certificazione del Modello è ad oggi una questione piuttosto dibattuta, che non ha ancora trovato collocazione nel D.Lgs. 231/01, seppure sia prescritta da talune normative settoriali.

Secondo alcuni Autori potrebbe essere la soluzione al rischio di inadeguatezza del Modello (rectius, diniego del beneficio d'esimente).

Nondimeno tale soluzione è di difficile praticabilità, innanzitutto perché il termine “certificazione” non riveste un significato univoco e si presta ad applicazioni difformi.

Il progetto di legge di modifica del D.Lgs. 231/01 (c.d. “Progetto di Riforma Arel”) introduce de plano la certificazione dell'idoneità del Modello preventivo (ante factum), il cui rilascio permette l'esclusione della responsabilità dell'ente nei casi in cui vi sia corrispondenza tra il Modello certificato e quello concretamente attuato e non siano sopravvenute significative violazioni delle prescrizioni (circostanza, questa, che testimonierebbe la relazione causale tra lacuna organizzativa e reato realizzato).

Al rilascio della certificazione è inoltre connessa l'inapplicabilità delle misure interdittive in fase cautelare, salvo la ricorrenza di (non meglio definite) esigenze di eccezionale rilevanza.

L'art. 7-bis del “Progetto Arel”, ha tuttavia natura di “norma in bianco”, poiché molteplici aspetti, quali la definizione dei criteri e delle modalità certificatorie, l'efficacia dell'attestazione, la periodicità del rinnovo e il profilo soggettivo degli enti certificatori accreditabili sono rimessi alle prescrizioni di un futuro (incertus quando) regolamento del Ministero della Giustizia.

di Sandro Bartolomucci

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231