Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 27 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La responsabilità delle imprese nel UK Bribery Act: prime riflessioni su strategie di compliance e implicazioni per le società italiane

Attraverso l'adozione del nuovo Bribery Act, il Regno Unito ha provveduto a modificare ed integrare la preesistente normativa in materia di corruzione, rimasta invariata per oltre un secolo. La società risponde per le azioni delle associated persons che, svolgendo attività di servizi per suo conto, commettono il reato di corruzione al fine di ottenere o mantenere affari o vantaggi per il business della stessa società. Il Bribery Act non richiede che tra la società e l'associated person intercorra un rapporto contrattuale, né che l'impresa sia in grado di esercitare un certo grado di controllo su di essa. All'interno della categoria vi rientrerebbero sia le joint ventures che le società controllate e i relativi singoli azionisti, indipendentemente dall'ampiezza della partecipazione societaria. Secondo quanto previsto nel Bribery Act, la società non sarà ritenuta responsabile per le azioni delle associated persons se riuscirà a dimostrare di aver adottato procedure adeguate alla prevenzione della corruzione.

Uno degli aspetti più significativi del Bribery Act è l'extra-territorialità delle relative previsioni. Si applica infatti, oltre che alle società inglesi operanti nel Regno Unito, anche alle società inglesi operanti fuori dal Regno Unito e alle società non inglesi che svolgono attività o parte dell'attività nel Regno Unito, indipendentemente dal luogo in cui la società è stata costituita e dal luogo in cui è commesso il fatto corruttivo. Alcune differenze rispetto al decreto legislativo 231/01 italiano sono (i) l'assenza d'istituzione di un organo di controllo interno all'impresa, al pari dell'Organismo di Vigilanza e (ii) l'esistenza del self reporting nel sistema britannico, in virtù del quale le società possono beneficiare delle ricadute positive dell'auto-denuncia alle autorità dei casi di corruzione.

di Ombretta Faggiano

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231