Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 23 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Le best practice dei protocolli di cui all'art. 6, comma 2 b, d.lgs. 231/2001

L'art. 6, comma 2, dispone che, in relazione all'estensione dei poteri delegati e al rischio di commissione dei reati, i Modelli debbano rispondere ad esigenze determinate. Molto diffusa è tuttavia la prassi di Modelli pro forma, sostanzialmente privi di contestualizzazione con la realtà dell'ente e con il settore di riferimento, quindi privi di qualsiasi valenza preventiva. È pertanto necessario ai fini dell'esimente di legge che, in considerazione della molteplicità e diversità dei reati-presupposto contemplati nel decreto, la locuzione normativa di cui al comma 2b dell'art. 6 d.lgs. 231/01 sia interpretata e attuata estensivamente nel senso di adozione di un “sistema organizzato” di prevenzione (su cui poter fondare legittimamente il discrimine da colpa organizzativa) attuato mediante “specifici” presidi autorizzativi, gestionali, operativi e procedurali che nei settori a più intensa regolamentazione e nelle realtà più complesse. Il sistema di prevenzione evocato dalla locuzione in argomento si configura necessariamente quale mix di misure eterogenee, riconducibili a grandi linee alle categorie di precetti di seguito succintamente descritte ed elencate per livelli intrinseci di affidabilità e verificabilità. In merito, anche in ottemperanza all'obbligo di cura dell'adeguatezza organizzativa ex art. 2381 c.c., potrà essere opportuna l'adozione di un manuale organizzativo congruente con le previsioni del decreto e con i contenuti del Modello, che definisca esaurientemente le responsabilità interne correlate ai processi e alle attività sensibili (matrice delle responsabilità) di maggior rilievo.

di Gaetano Aita, Sonia Boccuni e Valentina Stilla

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231