Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 23 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

D.lgs. 231/2001 e settore agricolo

Il coinvolgimento del settore agricolo nelle more del d.lgs.231/01 è apparso indiscutibile nel momento in cui nel decreto è stato inserito - per il tramite della legge 99/2009 - il nuovo art. 25-bis.1. (Delitti contro l'industria e il commercio) che prevede l'applicazione di sanzioni pecuniarie in conseguenza dei reati di cui al nuovo art. 517-quater c.p., relativo alla contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari.

Gli operatori del settore agricolo sono inoltre esposti a numerosi rapporti con la Pubblica Amministrazione: dalle autorizzazioni ai rapporti con gli enti territoriali e le autorità (GdF, Guardia Forestale, ASL, ecc.). E' pertanto fisiologico che l'imprenditore agricolo si debba confrontare con pubblici funzionari in modo sostanzialmente continuativo.

Le peculiarità del settore possono poi incidere su altre aree rilevanti ai sensi del decreto, che a prima vista potrebbero apparire di non immediato interesse. Molte attività comportano infatti l'acquisto di materie prime o semilavorate da altri soggetti operanti nel settore (ad esempio, vini sfusi); questo comporta l'esposizione al rischio di acquistare prodotti derivanti da delitto (merci rubate) ovvero ottenuti mediante sfruttamento di persone (in Italia come all'estero) e non solo: la trasparenza solo parziale dei prezzi e la loro alta volatilità - tipica di molti prodotti del settore - comporta la possibilità di operare scorrettamente sulla relativa rappresentazione, operando pagamenti occulti (si pensi al rifornimento effettuato presso aziende sostanzialmente gestite dalla criminalità organizzata) e false rappresentazioni di bilancio.

Infine si offre all'attenzione del lettore la sensibilissima area della sicurezza sul lavoro. Accanto a problematiche comuni con altri settori (organizzazione, sistema delle deleghe, valutazioni in tema di rischio), ve ne sono altre che caratterizzano il settore sia in termini di natura tecnica, ovverosia pericoli insiti nell'attività svolta.

di Tommaso E. Romolotti

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231