Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Dom, 27 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

L’utilizzo di un sistema di whistleblowing quale ausilio nella prevenzione delle frodi e dei reati

Il termine “whistleblower” è comunemente riferito al lavoratore che, nello svolgimento della propria attività, rilevata una possibile frode, un pericolo o un altro serio rischio che possa danneggiare clienti, colleghi, azionisti, il pubblico o la stessa reputazione dell'impresa/ente pubblico/fondazione, decide di segnalarla. Denunciare un illecito commesso in azienda viene definito giuridicamente whistleblowing (letteralmente “soffiata”). La “denuncia” va distinta dalla

segnalazione: con il termine denuncia si intende una dichiarazione di scienza con cui si porta a conoscenza della polizia giudiziaria l'esistenza di un fatto storico.

In dottrina e nella pratica si distinguono le seguenti tipologie di whistleblowing:

1. interno all'azienda, laddove la segnalazione/informazione viene diretta: i) al proprio diretto superiore di pari livello o a un manager di livello più alto;ii) ad appositi organismi interni;

2. esterno rispetto all'azienda, quando la segnalazione venga indirizzata: i) tramite denuncia a un ente regolatore esterno specifico per il determinato settore della società; ii) alla polizia o all'autorità giudiziaria; iii) ad un pubblico più ampio e ad organi di diffusione nazionale come i media.

Alla scarsa o indiretta attenzione sul piano normativo si contrappone un'attenzione particolare sul piano della tutela dei dati personali e dei risvolti connessi: il garante per la protezione dei dati personali si è mosso sul tema addirittura con una Segnalazione al Parlamento e al Governo, chiedendo di intervenire a livello normativo, con norme che risolvano le perplessità indicate dai garanti europei e che specifichino quali soggetti possono essere segnalati; quali fattispecie possono essere oggetto di “delazione”; se sia possibile accettare le segnalazioni anonime.

di Patrizia Ghini

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231