Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 23 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Criteri di determinazione delle misure interdittive applicate in fase cautelare: limiti e ambiti di applicazione

La Cassazione (Sez. VI, provvedimento n. 20560 del 25 gennaio 2010, depositato il 31 maggio 2010) ha affrontato la sempre attuale tematica dei presupposti per l'applicazione alle società indagate delle misure interdittive (artt. 9,comma 2, e 13 del decreto) in via cautelare. La Corte, anche richiamando i principi sostenuti da una precedente pronuncia (n. 32627 del 23 giugno 2006), ha ribadito come “i segnali di rottura con il passato” possano rappresentare una concreta garanzia per escludere il pericolo di commissione di nuovi illeciti, solo “a condizione che ciò rappresenti il sintomo che l'ente inizi a muoversi verso un tipo di organizzazione in cui sia presente l'obiettivo di evitare il rischio reato”. In estrema sintesi, il vero messaggio che la Suprema Corte ha inteso ribadire agli operatori del settore - il sistema organizzativo attraverso cui l'ente svolge la propria attività è il vero punto di confronto di tutta la disciplina.

di Massimo Montesano

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231