Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 29 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Implementazione di Modelli Organizzativi ex d.lgs. 231/2001 in organizzazioni mediamente complesse: i contenuti e la strutturazione della documentazione che definisce il modello

Il Modello Organizzativo, per esercitare efficacia esimente ai sensi del d.lgs.231/01, deve essere definito tramite una documentazione solo parzialmente descritta nel d.lgs. citato e/o nell'art. 30 del d.lgs. 81/2008: ciò che interessa è infatti che vi siano gli elementi chiaramente obbligatori e che lo stesso sia dotato di coerenza interna.

Nell'inserimento della documentazione si forma una sorta di gerarchia, che va dal generale al particolare, e che riguarda il codice etico, la parte generale del Modello, i protocolli, i flussi di attività nonché le istruzioni operative. A tale documentazione, per la parte relativa alla sicurezza sul lavoro, andranno ad aggiungersi il manuale del sistema di gestione della sicurezza, nonché la c.d. “politica della sicurezza”, declinazione pratica del codice etico.

Il Codice Etico riassume l'intera filosofia dell'azienda, individuando lo scopo, gli elementi di caratterizzazione rispetto ad altre imprese concorrenti, gli obiettivi ed i principi di comportamento. La parte generale del Modello ha invece il duplice scopo di definire la politica aziendale riguardo alla prevenzione degli illeciti previsti dal d.lgs.231/01 da una parte, e di garantire la creazione di un sistema di documenti effettivamente gestibile, attuabile in azienda ed in grado di evolversi e migliorarsi. La parte speciale del Modello è invece costituita principalmente dai protocolli, dalle procedure e dalle istruzioni operative. I protocolli sono documenti che individuano i principi fondamentali ai quali devono conformarsi la gestione delle attività che secondo la mappatura sono considerate a rischio e le relative procedure di controllo. Le procedure costituiscono invece una specificazione sul piano operativo dei protocolli, in quanto definiscono nel dettaglio i processi, o segmenti di processi, che le riguardano evidenziando le varie fasi operative e le attività di controllo e di registrazione necessarie. Inoltre le procedure identificano anche le persone coinvolte nelle varie fasi del processo e attribuiscono in particolare i compiti e le responsabilità di ciascuno, contribuendo ad una maggiore definizione delle mansioni di ognuno. Le istruzioni operative, rispetto alle procedure, non descrivono il processo od il segmento di processo considerato, ma semplicemente le modalità pratiche di effettuazione e registrazione di attività di controllo rilevanti per il Modello.

La verifica e l'approvazione dei documenti che costituiscono la Parte Generale del Modello, ad eccezione della mappatura, afferiscono alla competenza del c.d.a. nella sua collegialità. Per quanto riguarda la mappatura e tutti i documenti della parte speciale, invece, sono demandati all'a.d., al direttore generale o al procuratore, ai quali sia stato attribuito lo specifico potere da parte del c.d.a.

di Alessandro Mazzeranghi e Alberto Gandini

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231