Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 26 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Reati ambientali e prevenzione: proposte per un approccio imprenditoriale

Il concetto di danno ambientale (unito al conseguente obbligo di ripristino) è espresso dall'art. 300 del Testo Unico dell'Ambiente, secondo il quale è punito qualsiasi deterioramento significativo e misurabile, diretto o indiretto, di una risorsa naturale o dell'utilità assicurata da quest'ultima. Le prescrizioni normative in tema di danno ambientale hanno quale destinatario la figura dell'”operatore interessato”, intendendosi per tale qualsiasi persona, anche giuridica, pubblica o privata, che esercita o controlla un'attività professionale avente rilevanza ambientale oppure chi comunque eserciti potere decisionale sugli aspetti tecnici e finanziari di tale attività, compreso il titolare del permesso o l'autorizzazione a svolgere tale attività.

Il Testo Unico dell'Ambiente pone in capo all'operatore interessato un dovere d'informazione nei confronti degli enti territoriali competenti nei casi in cui emergano rischi derivanti da pericoli per la salute umana e per l'ambiente. Deve poi adottare, entro ventiquattro ore e a proprie spese, le necessarie misure di prevenzione e di messa in sicurezza, sempre informando le autorità competenti. Se invece il danno ambientale risulta già verificatosi, l'operatore deve comunicare tutti gli aspetti pertinenti della situazione alle autorità interessate, adottando immediatamente tutte le iniziative praticabili volte a prevenire o limitare ulteriori pregiudizi ambientali ed effetti nocivi per la salute umana, nonché le necessarie misure di ripristino. Seppur non vi siano espresse previsioni che comportino la responsabilità diretta dell'ente derivante da reato ambientale, questa potrà essere comunque coinvolta per fatti commessi da soggetti facenti parte dell'organizzazione stessa. Ecco che pertanto è opportuno prevedere la commissione anche di questi reati.

Indicazioni utili per la definizione di sistemi di gestione ambientale si possono ritrovare negli standard internazionali della serie ISO 14000, ed in particolare nella norma ISO 14001:2004.

Sebbene l'ente in materia ambientale non sia soggetto a responsabilità amministrativa derivante da reato, è del resto consigliabile l'adozione di presidii volti ad evitare tali illeciti penali che potrebbero coinvolgere l'impresa sotto il profilo giuridico; gli strumenti esistono e sono ormai ampiamente collaudati: resta al management la responsabilità di deciderne l'utilizzo e le relative e modalità.

di Tommaso E. Romolotti

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231