Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 30 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Modelli Organizzativi e Gestionali e criteri di imputazione della responsabilità dell’ente (commento a Cass. Pen., Sez. VI, n. 36083/09)

La sesta sezione della Corte di Cassazione con la sentenza 9 luglio - 17 settembre 2009, n. 36083, ha stabilito che la persona giuridica che abbia omesso di adottare ed attuare il Modello Organizzativo e Gestionale non risponde del reato presupposto commesso da un suo esponente in posizione apicale nell'ipotesi in cui quest'ultimo abbia agito nell'interesse esclusivo proprio o di terzi. La stessa decisione ha anche precisato che l'attenuante del risarcimento del danno (art. 12, comma 2, lett. a), d.lgs. 231/2001) non è configurabile in favore dell'ente, nei casi in cui il risarcimento sia stato materialmente eseguito dalla persona fisica imputata del reato presupposto.

Ai sensi dell'art. 6 d.lgs. 231/01, in presenza della commissione, da parte di uno dei soggetti indicati dall'art. 5, l'ente non può essere chiamato a risponderne se prova che “l'organo dirigente ha adottato ed efficacemente attuato, prima della Commissione del fatto, Modelli di Organizzazione e di Gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi.”Nell'impianto normativo delineato dal d.lgs.231, l'adozione di siffatti Modelli Organizzativi e Gestionali esplica un'efficacia differente, a seconda che avvenga ante factum (nel qual caso rende non configurabile la responsabilità dell'ente) o post factum.

Il criterio d'imputazione della responsabilità amministrativa viene, pertanto, ricollegato ad una colpa specifica omissiva, per mancata adozione delle misure previste dalla legge; peraltro, l'affermazione di responsabilità dell'ente dovrebbe richiedere la dimostrazione anche della sussistenza del nesso di causalità tra l'inerzia contestata e l'altrui commissione del reato presupposto non impedito, onde non ricadere in forme di responsabilità per fatto meramente altrui.

di Sergio Beltrani

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231