Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 26 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Le modalità di partecipazione dell’ente al procedimento nell’interpretazione della giurisprudenza di legittimità

Il d.lgs. 231/2001, al fine di coniugare l'esercizio del diritto di difesa con la necessità che la partecipazione al procedimento dell'ente avvenga per il tramite di una persona fisica, ha dedicato una disciplina speciale alle modalità di partecipazione dell'ente al procedimento. In realtà, il d.lgs. 231/2001 fornisce scarse informazioni sulla partecipazione dell'ente al processo, se non al primo comma dell'art. 39 nel quale si fa riferimento al “procedimento penale”, Vi sono pertanto numerose incertezze sulla necessità della formale costituzione anche nella fase delle indagini preliminari e per l'esercizio degli atti difensivi non riservati personalmente all'ente “imputato”.

In un suo intervento del 2007, la Suprema Corte ha affermato che l'esercizio dei diritti di difesa (da parte dell'ente) non è subordinato alla formale costituzione dello stesso nel procedimento. Dopo pochi mesi, la Cassazione ha però assunto sul punto conclusioni diametralmente opposte, affermando che l'esercizio dei diritti difensivi da parte dell'ente, in qualsiasi fase del procedimento avvenga, deve invece intendersi sempre subordinato all'atto formale di costituzione a norma dell'art. 39, d.lgs.231, essendo questa l'unica forma attraverso cui la persona giuridica può partecipare al medesimo e, dunque, esercitare pienamente il proprio diritto all'autodifesa.

Importante è concentrarsi in modo particolare sulla peculiare posizione dell'ente il cui legale rappresentante si trovi con esso in conflitto d'interesse perché imputato o indagato nel reato presupposto. Il carattere assoluto dell'incompatibilità è funzionale alla garanzia del diritto di difesa di quest'ultimo e dunque il divieto di rappresentanza sancito dall'art. 39 comma 1 deve intendersi esteso a tutte le fasi del procedimento, compresa quella delle indagini preliminari. Dunque, l'ente che non abbia provveduto a sostituire il legale rappresentante incompatibile è comunque rappresentato ai fini difensivi dal difensore d'ufficio. Nell'affermare questo principio si finisce implicitamente per ammettere che il compimento degli atti difensivi non riservati in via esclusiva all'ente non presuppone la formale costituzione di cui all'art. 39. La Corte ha infatti recentemente affermato che la scelta dell'ente di non costituirsi non lo esclude dal procedimento, atteso che il diritto all'assistenza del difensore comunque gli garantisce la partecipazione, seppur nei limiti di cui all'art. 99 c.p.p.

di Luca Pistorelli

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231