Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 27 Gen 2021
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2021
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La delega di funzioni e l’obbligo di vigilanza del datore di lavoro. Il ruolo del Modello Organizzativo a norma del d.lgs. 231/2001

L'art. 16 del Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (d'ora in poi, T.U.) elenca le caratteristiche essenziali della delega di funzioni. Tra gli effetti della delega vi è quello connesso alla trasferibilità della responsabilità penale o, più precisamente della funzione di garanzia, che spetta al datore di lavoro (cfr. art. 2 T.U.).

La possibilità di delegare le funzioni datoriali a diversi soggetti attraverso un atto privato o, addirittura, riconoscere le stesse al di fuori del massimo organo dirigente, trova conferma, a contrario, nell'analisi del combinato disposto di cui agli artt. 2 lett. b) e 16 T.U., da una parte e art. 2381, comma 2 c.c., dall'altro. Il sistema normativo di sicurezza richiesto dopo il T.U. non si limita alla ripartizione soggettiva degli obblighi tra datore di lavoro, eventuali delegati dello stesso, dirigenti, preposti e lavoratori, ma sviluppa un articolato impianto che prevede obblighi di valutazione dei rischi, di programmazione delle attività del “mondo”salute e sicurezza, di sorveglianza sanitaria sui lavoratori, il tutto coordinato e sviluppato da un Servizio di Prevenzione e protezione, i cui compiti sono puntualmente elencati dall'art. 33 T.U.

Con il d.lgs. 106/2009 è stato precisato come l'obbligo di vigilanza che il datore di lavoro conserva in ordine al corretto espletamento, da parte del delegato, delle funzioni trasferite “si intende assolto in caso di adozione ed efficace attuazione del Modello di verifica e controllo di cui all'art.30, comma 4”.La delega di funzioni è infatti ancorata ad un efficiente apparato interno di autodisciplina e controllo, tale da consentire al datore di lavoro un effettivo e puntuale esercizio del potere/dovere di vigilanza, attraverso flussi informativi ben collaudati sulle funzioni delegate.

di Ugo Lecis

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231