Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 29 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

“231”: allargamento alle ipotesi associative: verso un modello di prevenzione frodi

Con l'inserimento tra i “delitti 231” delle ipotesi associative e in particolare dell'associazione di tipo mafioso ex art. 416 bis c.p., è stata aumentata la casistica ed eliminato il vincolo del presupposto transnazionale. Le fattispecie associative, soprattutto quelle a carattere generale (416 e art. 416 bis) comportano infatti la possibilità che - a fronte di qualunque delitto - possa essere contestato ad un soggetto individuato tra quelli di cui all'art. 5 comma 1 lett.a) e b) del decreto anche il delitto associativo e, conseguentemente, la responsabilità amministrativa per l'ente ai sensi del d.lgs. 231.

L'aggravante di mafia prevista dall'art. 7, legge 203/1991 ha un effetto fortemente dilatatorio sul d.lgs.231/01 e sulle relative ipotesi di responsabilità amministrativa per l'ente. Le peculiarità delle associazioni di tipo mafioso sono la forza di intimidazione e la conseguente condizione di assoggettamento e di omertà che si sviluppa sia all'interno della struttura associativa sia all'esterno; le finalità sono invece della commissione di delitti e del controllo dell'economia e della politica. I rischi da prevenire riguardano soprattutto le possibili infiltrazioni di piccole imprese di riferimento di organizzazioni mafiose nel sistema dei subappalti e delle forniture. Si va dalle infiltrazioni nel sistema di predisposizione dei bandi di gara, alle offerte anomale, gli accordi di cartello alle forme di subappalto non autorizzato o oltre i limiti normativi (art. 18 legge 55/1990), alla fornitura di beni e servizi. Particolarmente esposte sono le grandi imprese di costruzioni del sud, aggiudicatarie di importanti appalti.

È stato recentemente elaborato un “Codice Antimafia”, destinato ad intervenire sulla modalità di analisi del rischio, sulle procedure di selezione di fornitori, subappaltatori e dipendenti, nonché sulle tipologie dei controlli sui cantieri, oltre a prevedere l'obbligo in capo all'O.d.V. di segnalare possibili “segnali deboli” di infiltrazioni mafiose. Intensificare i “protocolli 231” per i delitti associativi significa spostarsi su tutta una serie di ipotesi di reato che, seppur attualmente non previste dal decreto, potrebbero rientravi proprio attraverso la contestazione del reato associativo. Importante è pertanto predisporre un adeguato sistema di controllo interno, nonché lavorare molto dal punto di vista formativo, insistendo sulla gravità delle conseguenze di talune condotte.

di Angelo Jannone

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231