Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 29 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Gestione antinfortunistica e organizzazione special-preventiva : riflessioni propedeutiche alla delimitazione dei confini alla luce del novellato T.U. Sicurezza

In materia di sicurezza, salute e igiene sui luoghi di lavoro molto importante è l'analisi finalizzata alla verifica del rapporto di autonomia, ovvero di dipendenza, rispetto all'impianto del d.lgs. 231/01 dell'art. 30 del Testo Unico sulla Sicurezza (d.lgs. 81/2008, d'ora in poi TUS).

La logica organizzativo - prevenzionale è, tanto nel d.lgs. 231 quanto nel TUS, ancorata alla potenziale verificazione del reato de quo, sebbene per “il 231” si tratti di un obiettivo mediato, essendo lo scopo originario un'autorganizzazione globalmente ethic oriented da parte dell'ente collettivo.

Per quanto attiene l'esercizio della funzione prevenzionale, l'art. 30 TUS opera un chiaro ed ineludibile rinvio all'art. 25 septies del d.lgs. 231, riferimento che emerge altresì dalla comparazione tra le dotazioni e l'impiego degli strumenti di prevenzione, in alcuni casi totalmente assenti nel TUS. Ecco che pertanto per l'effettività del sub-Modello Sicurezza bisognerà rapportarsi ancora al d.lgs.231, pena l'inidoneità ad esplicare funzione esimente della responsabilità d'impresa.

di Sandro Bartolomucci

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231