Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 30 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Il ruolo del Codice Etico e i principi della Corporate Social Responsability nell’ambito dei protocolli preventivi

Tra i protocolli preventivi il Codice Etico riveste un ruolo importante in quanto documento ufficiale contenente l'insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità dell'ente nei confronti dei “portatori di interessi”; il Modello Organizzativo ed il Codice Etico vanno pertanto plasmati su ogni singola azienda e vanno costruiti in base alle peculiarità di ciascuna, in modo che i protocolli preventivi risultino essere realmente efficaci.

Allo scopo di offrire un aiuto concreto alle imprese nell'elaborazione dei Modelli e quindi anche dei Codici Etici, le associazioni di categoria hanno elaborato delle linee guida che contengono una serie di indicazioni e misure ritenute in astratto idonee a rispondere alle esigenze delineate dal d.lgs. 231/2001. Sono stati individuati una serie di valori di carattere prettamente etico, finalizzati a formare il concetto più ampio di Responsabilità Sociale d'Impresa o Corporate Social Responsibility. La Corporate Social Responsibility può essere definita come “l'integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali ed ecologiche delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate. I vantaggi derivanti all'ente dall'implementazione di un Codice Etico di tale portata sono molteplici: (i) l'“anticipazione” delle evoluzioni normative, considerata l'introduzione periodica e sempre più frequente di nuove ipotesi, anche disomogenee tra loro, di reato nel catalogo previsto dal d.lgs. 231/2001, con la conseguente necessità per l'ente di ridefinire il proprio Risk Assessment; (ii) una maggiore semplicità gestionale del Modello, poiché un siffatto sistema di prevenzione potrà meglio permeare l'intera organizzazione sin nelle singole procedure, consentendo una gestione più efficace ed economica; (iii) il vantaggio reputazionale che un approccio al d.lgs. 231/2001 nell'ottica di Corporate Social Responsibility comporta. Infatti, la definizione di un Modello “socialmente responsabile” implica di per sé un maggiore contatto e coinvolgimento dell'azienda con gli stakeholder, che potranno in tal modo sentire l'ente più vicino anche alle loro esigenze e aspettative, avviando così un circolo virtuoso di confronto dal quale l'azienda potrà ricavare evidenti benefici in tema di brand, relazioni e posizionamento sul mercato di riferimento.

di Silva Annovazzi

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231