Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 26 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Spiriti animali e responsabilità amministrativa e sociale delle società e degli enti: quale presenza

Le oscillazioni dell'economia sono il frutto di spiriti animali, cioè di slanci vitali ed istintivi dell'individuo, non razionali, ma dei quali occorre tenere conto per comprendere gli avvicendamenti che si susseguono in campo economico. Keynes attribuisce agli spiriti animali un ruolo rilevante negli andamenti dell'economia, ma sottolinea che lo Stato deve, in qualche maniera, guidarne gli effetti, poiché è suo compito primario salvaguardare gli interessi della collettività. In assenza, infatti, di azioni regolatrici da parte dello Stato, gli spiriti animali tenderebbero a far prevalere individualismi egoistici. Per i neoliberisti gli spiriti animali hanno, però, diversa dimensione, e corrispondono alla creatività dell'imprenditore.

Il d.lgs. 231 non contiene norme dirigistiche nei confronti del sistema delle imprese: lo Stato non vuole porre freni all'attività economica; quindi, gli spiriti animali che animano l'imprenditore, e che lo fanno agire anche al di fuori di schemi razionali, possono manifestarsi in assoluta autonomia. Tuttavia, il timore che gli spiriti animali possano indurre a violazioni di interessi della collettività, sollecita - come Keynes suggerisce - un'azione regolatrice dello Stato.

Conclusivamente possiamo osservare che, in senso ampio, è ravvisabile una coincidenza tra stakeholders attenti all'applicazione della responsabilità sociale e stakeholders interessati all'applicazione di quella amministrativa, poiché comportamenti eccessivamente egoistici e reati presupposto ledono, comunque, gli interessi della collettività.

Le affinità che sussistono tra le due responsabilità consentono di ipotizzare che anche i loro processi evolutivi avverranno parallelamente. Entrambe, come s'è visto, esprimono esigenze di ordinato sviluppo della società, da realizzarsi con regole che garantiscano la salvaguardia di interessi collettivi.

di Carlo Manacorda

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231