Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 30 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La segregazione dei ruoli e dei poteri quale strumento di Corporate Governance cui tendere nell’ambito del Modello Organizzativo ex d.lgs. 231/2001

La segregazione dei ruoli e dei poteri in ambito aziendale è uno strumento fondamentale di Corporate Governance, finalizzato al coinvolgimento dei soggetti con diversi poteri di gestione dell'impresa, affinché nessuno possa disporre di poteri illimitati e svincolati dalla verifica di altri soggetti. Per giungere alla segregazione dei ruoli nell'ambito del Modello Organizzativo, occorre esaminare l'attività e i processi aziendali in modo da giungere all'individuazione delle aree a rischio, in cui si svolgono le attività “sensibili” alla commissione dei reati-presupposto della responsabilità ex d.lgs. 231/2001. Infatti, l'art. 6.2 lett. a) d.lgs. 231/2001 indica, come uno dei requisiti del Modello, l'individuazione delle attività nel cui ambito possono essere commessi reati.

Inoltre, occorre esaminare gli elementi costitutivi dei reati contemplati dal d.lgs. 231/2001 e all'art. 10 legge 146/2006, al fine di determinare le condotte concrete che, nell'ambito dell'attività aziendale, potrebbero portare alla realizzazione degli illeciti in questione. Pertanto, si comprende facilmente come la segregazione dei ruoli sia raccomandata da diverse associazioni di categoria nelle loro Guidelines per la costruzione dei Modelli di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/2001.

Il sistema di segregazione dei ruoli, per essere adatto rispetto alle previsioni del d.lgs. 231/2001, deve essere supportato da un'adeguata separazione dei poteri fra le diverse funzioni societarie. La segregazione dei poteri, infatti, consente di distribuire le facoltà e le responsabilità a seconda delle competenze di ciascun soggetto coinvolto nell'attività aziendale: sle fasi in cui si articola un processo vengono ricondotte a soggetti diversi, allora nessuno di questi può essere dotato di poteri illimitati. Inoltre, suddividendo i poteri all'interno della società viene anche favorita l'attività di controllo sulle fasi più sensibili di ciascun processo. L'attribuzione dei poteri, con i relativi obblighi e responsabilità, deve essere accettata dai delegati e deve essere formalizzata con apposita delibera del consiglio di amministrazione o con conferimento di procura speciale.

di Marcello Malavasi

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231