Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 30 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Il Commissario Giudiziale. Suo ruolo e sue competenze

L'art. 79 d.lgs. 231/2001 dedica spazio alla figura del commissario giudiziale nominato dal giudice penale nell'azienda, al fine di non applicare la sanzione interdittiva che, di per sé, determina l'interruzione dell'attività dell'ente (tale scelta viene eseguita ai sensi dell'art. 15 del decreto legislativo in oggetto, laddove è stato stabilito che in alternativa alla sanzione interdittiva, deve essere eseguita la sentenza che dispone la prosecuzione dell'attività dell'ente).

Il ruolo del commissario giudiziale, solitamente, viene ricoperto da un tecnico in possesso di un' ottima una conoscenza di aspetti fiscali ed economici. Quando l'esperto viene scelto dal giudice per svolgere tale ufficio dovrà intrattenere con lo stesso un colloquio o un incontro e in quella sede potrà decidere, dialogando con il giudice, se accettare o meno tale incarico. Il nominando esperto non dovrà aver avuto alcuna correlazione con la società, vale a dire non deve essere stato coinvolto come professionista o aver elargito pareri, di qualsiasi tipo, a favore della stessa; di non aver ricoperto ruoli istituzionale, vale a dire di sindaco della società (ai sensi dell'art. 2397 c.c.), ovvero di revisore contabile (ai sensi dell'art. 2409-bis c.c.) o svolto qualsiasi altra mansione a favore della commissarianda società, o peggio ancora di organo di amministrazione (componente di governance), seppur in tempi lontani.

Un aspetto molto importante e da non sottovalutare sta nel fatto che il bilancio, nelle parti relative allo stato patrimoniale, al conto economico ed alla nota integrativa, deve essere firmato dal commissario giudiziale in carica. Il bilancio, così come redatto, viene sottoscritto dal commissario anche se dovesse contenere, ad esempio, fra i componenti positivi di reddito, fatture attive false che la società può aver emesso nell'esercizio precedente a quello in cui viene approvato, non ultima causa per la quale poi la società è stata commissariata. La sottoscrizione di un bilancio del genere, effettuata dal commissario giudiziale, tuttavia, non sarà accompagnata da sanzione da imputare a livello personale.

di Guido Chiametti

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231