Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 30 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La redazione del modello organizzativo adempimenti formali e sostanziali

La redazione del Modello deve avvenire nel modo più dettagliato possibile, compatibilmente con l'economicità della gestione aziendale. Un Modello Organizzativo adeguato deve infatti essere efficace dal punto di vista tecnico, nonché economico, conseguendo il giusto equilibrio tra obiettivi e mezzi economici (in termini di risorse umane e finanziarie): non è adeguato un Modello che penalizza la vita aziendale, allo stesso modo di un Modello che non ha valutato congruentemente i rischi aziendali e la loro probabilità di accadimento. Il d.lgs. 231/2001 non fornisce dettagliate indicazioni circa la redazione del Modello Organizzativo secondo la caratteristica di adeguatezza suddetta, ma rimanda ad iniziative delle associazioni di categoria, come Confindustria, che ha redatto Linee Guida per un'efficace redazione del Modello che fanno riferimento alle tecniche di risk management. In generale viene considerato rischioso l'evento il cui accadimento non presenti segni di certezza e che, pertanto, abbia solo una determinata probabilità di verificarsi (Cantamessa et al., 2007).

La tematica del risk management, nei suoi sviluppi quantitativi, rimanda al più generale ambito disciplinare del project management. La redazione del Modello, sviluppato nei termini del risk management, presuppone i seguenti passaggi: i)individuare le attività sensibili e strumentali alla commissione dei reati; ii) mappare i rischi delle varie attività; iii) costruire la matrice probabilità/impatto degli eventi; iv) prevedere specifici controlli atti a programmare la formazione e l'attuazione delle decisioni dell'ente in relazione ai reati da prevenire attraverso la matrice dei controlli, la matrice delle attività sensibili e strumentali ed eventuali. Suggerimenti di revisione organizzativa; v) individuare le modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati.

Parte integrante del Modello di Organizzazione è il Codice Etico ovvero il sistema di norme comportamentali che regolamenta i processi aziendali e che scongiurano la commissione dei reati di specie.

di Nicola Costantino e Marco Falagario

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231