Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 26 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Il comparto della Sanità: analisi di scenario tra azione penal-preventiva ex d.lgs. 231/2001 e Clinical Governance

Nell'ordinamento italiano il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) è il complesso delle funzioni e delle attività assistenziali svolte dai Servizi Sanitari Regionali (SSR), attraverso enti e istituzioni, nonché strutture private abilitate, volto a garantire la tutela della salute dell'individuo, coincidente con l'interesse della collettività, nel rispetto della dignità e della libertà della persona umana, in ossequio al principio costituzionale dell'art. 32.

Ai fini dell'elaborazione del Modello ex d.lgs. 231/01, un fondamentale distinguo attiene alla soggettività giuridica rivestita dalla struttura sanitaria (se società di capitali, consorzio, fondazione, associazione, ovvero azienda od ente pubblico), circostanza che condiziona la concreta azione organizzativa, l'architettura delle linee di comando e l'attivazione dei centri di controllo. Relativamente alla metodologia di elaborazione del Compliance Program per un istituto sanitario privato, riferimento essenziale è contenuto negli artt. artt. 6, comma 3 e 7, commi 3 e 4, d.lgs. 231. Le direttive vincolanti risultano: i) la facoltatività dell'adozione; ii) la costruzione del Modello in funzione dei caratteri peculiari dell'ente empirico; iii) la riserva di valutazione giudiziale ex post della congruità del modello adottato.

La formulazione dei Protocolli comportamentali (generali e speciali) a presidio del ranking delle rischiosità sconta aspetti di condizionamento che sollecitano verifiche preliminari, come il censimento e la classificazione degli appartenenti alle categorie professionali, tecniche ed amministrative, a vario titolo coinvolti nell'erogazione del servizio sanitario.

Il macro Modello Organizzativo e Gestionale della struttura sanitaria deve essere pertanto improntato alla Clinical Governance, che ha come ispirazione il miglioramento dei servizi, l'efficienza, il contenimento dei costi, la compliance, il superamento dello storico gap del mancato coinvolgimento dei medici nei processi decisionali aziendali.

di Sandro Bartolomucci

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231