Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Sab, 26 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

L’art. 52 del d.lgs. 231/2007: l’equivoco degli organi incaricati del controllo di gestione

La disposizione introdotta dall'art. 52 del d.lgs. n. 231 del 2007 in materia di contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo pone più di qualche dubbio interpretativo, già sollevato in dottrina. La norma in commento introduce infatti, al comma 1, una locuzione “pericolosa”, in quanto generica ed indeterminata; il novero dei soggetti onerati dagli obblighi in essa contenuti si arricchisce della figura di quelli menzionati come “tutti (i soggetti) incaricati del controllo di gestione comunque denominati”. E' d'obbligo quindi comprendere in via preliminare quale sia il contenuto della prestazione “controllo di gestione”; indi, se a questa sia applicabile la teoria del nomen iuris ovvero, come in questo contesto normativo pare evidente, ci si debba rifare allo svolgimento “di fatto” delle funzioni/mansioni che ne costituiscono l'essenza.

Le funzioni di internal audit e di compliance, laddove considerate parti affidatarie di poteri di “controllo di gestione”, esonderebbero dalle mansioni loro proprie, cioè quelle di “gestione dei rischi aziendali”. Le linee guida sia dell'ABI che di Confindustria in tema di aggiornamento dei modelli ex d.lgs 231/2001, hanno affrontato, seppur sommariamente, questa tematica in riferimento ai reati di riciclaggio. In verità, detti documenti si soffermano dell'OdV nel ripetuto disposto normativo, nulla dicendo a proposito degli altri organi. L'ABI, tuttavia, a pag. 8 della Circolare, precisa che “il dovere di vigilanza sulle norme contenute nel decreto 231/2007 deve essere inteso come vigilanza che ognuno degli organi richiamati dalla norma deve espletare nel proprio ambito di attività senza necessità di produrre inutili duplicazioni di compiti ed attività”.

di Ranieri Razzante

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231