Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mer, 30 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Modello Organizzativo e Corporate Social Responsibility: la via etica alla 231

Le scelte d'impresa condizionano in modo diretto la vita di una serie di soggetti che, a diverso titolo, sono “portatori d'interesse” (o stakeholders) rispetto all'attività dell'impresa medesima. In quest'ottica, si potrà parlare di Corporate Social Responsibility, definizione utilizzata per far riferimento all'“integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali ed ecologiche delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate”. E' infatti evidente che il comportamento socialmente responsabile dell'impresa supera il mero rispetto delle prescrizioni minime e degli obblighi giuridici immediatamente applicabili, per tentare invece di dare una risposta positiva alle esigenze dei vari stakeholders.

Tra i Modelli Organizzativi ex d.lgs. 231/01 e i presidi di CSR vi sono alcune analogie. Innanzitutto, entrambe le categorie sono volontarie: come non esiste una norma che obblighi l'ente ad adottare un Modello Organizzativo ex d.lgs. 231/2001, così la volontarietà dell'azione è intrinseca al concetto di CSR. Un secondo elemento attiene la peculiarità dei reati inseriti nel “catalogo” degli artt. 24 ss. d.lgs. 231/2001: sono in gran parte reati a forte impatto sociale, spesso caratterizzati dalla particolare riprovazione collettiva rispetto ai fatti; se i reati contro la P.A. minano la struttura sociale in cui la collettività opera, alcuni reati societari possono avere gravi ripercussioni su numerosi risparmiatori, così pure destano particolare sdegno ipotesi quali lo sfruttamento della persona umana nelle sue varie declinazioni, mentre il continuo succedersi di infortuni sul lavoro appare ormai riconosciuto come una delle più gravi piaghe che affliggono il contesto socie del nostro Paese. Sono di conseguenza reati che colpiscono non solo la collettività in generale, bensì direttamente una serie di stakeholders ben identificabili nelle categorie di appartenenza.

In conclusione, la definizione di un Modello Organizzativo “socialmente responsabile” potrà portare all'azienda benefici sotto il profilo dell'economicità, della gestione, della sicurezza, e contribuendo nel contempo ad un miglioramento dell'eticità del comportamento dei propri rappresentanti e collaboratori.

di Tommaso E. Romolotti

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231