Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 29 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

La motivazione delle ordinanze cautelari interdittive in danno degli enti (Commento a Cass. N. 30412/2008)

Le misure cautelari sono disposte dal giudice, su richiesta del pubblico ministero, osservando le disposizioni dell'art. 292 c.p.p., a norma del quale l'ordinanza deve tra l'altro contenere, “a pena di nullità rilevabile anche d'ufficio”, (i) la descrizione sommaria del fatto; (ii) l'esposizione delle specifiche esigenze cautelari e degli indizi che giustifichino in concreto la misura disposta, con l'indicazione degli elementi di fatto da cui sono desunti e dei motivi per i quali essi assumono rilevanza, tenuto anche conto del tempo trascorso dalla commissione del reato; (iii) l'esposizione dei motivi per i quali sono stati ritenuti non rilevanti gli elementi forniti dalla difesa. Il prescritto obbligo di motivazione non potrebbe ritenersi assolto attraverso la mera elencazione descrittiva di elementi di fatto, trascrivendo materiale probatorio apoditticamente definito come “autoevidente”, “manifesto”, “chiaro”, “inconfutabile”, “non abbisognevole d'interpretazione”, in difetto della valutazione critica ed argomentata degli indizi singolarmente assunti e complessivamente considerati.

Secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità la motivazione per relationem dei provvedimenti giudiziali è da considerarsi legittima quando: (i) faccia riferimento ad un legittimo atto del procedimento, la cui motivazione risulti congrua rispetto all'esigenza di giustificazione propria del provvedimento di destinazione; (ii) fornisca la dimostrazione che il giudice ha preso cognizione del contenuto sostanziale delle ragioni del provvedimento di riferimento e le abbia specificamente valutate, ritenendole coerenti con la sua decisione; (iii) l'atto di riferimento sia conosciuto dall'interessato attraverso l'allegazione o la trascrizione nel provvedimento in questione, o almeno a lui ostensibile nel momento in cui si renda attuale l'esercizio della facoltà di valutazione, di critica e di gravame, consentendo il controllo dell'organo della valutazione o dell'impugnazione.

Alla luce di ciò, appare evidente l'insufficienza del mero rinvio per relationem alla motivazione di un'ordinanza cautelare coercitiva personale per motivare l'ordinanza cautelare interdittiva resa in danno dell'ente.

di Sergio Beltrani

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231