Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 29 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Normativa sulla responsabilità amministrativa degli enti e normativa sulla privacy: punti di contatto

Gli illeciti in materia di privacy ex d. lgs. 30 giugno 2003 n. 196 non fanno parte del catalogo dei reati-presupposto della responsabilità amministrativa degli enti. Tuttavia si possono cogliere vari punti di contatto tra le due discipline.

L'attività di mappatura dei rischi, richiesto dal Garante per la protezione dei dati personali, è essenziale per la stesura del Documento Programmatico sulla Sicurezza, ai sensi del dall'art. 34, comma 1, lett. g), d.lgs. 196/2003. Inoltre, anche se le norme di riferimento non lo prevedono in maniera esplicita, pure nel caso della disciplina in materia di privacy si tratta di elaborare un vero e proprio Modello per formalizzare la nomina dei soggetti protagonisti nello svolgimento degli adempimenti necessari al rispetto della normativa privacy. Infine, per le società obbligate alla redazione del Documento programmatico sulla sicurezza è obbligatoria l'adozione ed esecuzione di un piano di formazione.

A ben vedere, anche in una logica “231”, il passo operativo basilare per prevenire la responsabilità amministrativa dell'ente attraverso l'adozione di un idoneo Modello è l'attività di mappatura, che deve identificare la aree a rischio diretto, le aree a rischio indiretto e le aree non sensibili. A differenza di quanto accade in materia di privacy, è poi esplicitamente prescritta come obbligatoria, ai fini dell'ottenimento dell'esimente da responsabilità, l'elaborazione di un Modello, da intendersi come la formalizzazione di un complesso organico protocolli e strumenti di controllo atto a prevenire e contrastare la commissione, anche tentata, di gravi irregolarità, con particolare riguardo ai reati previsti dal d.lgs. 231/2001. Anche nell'ottica della responsabilità amministrativa degli enti, infine, è necessaria la formazione del personale.

Infine, sotto un diverso profilo, l'applicazione del d.lgs. 231/2001 implica il trattamento di dati personali dell'ente e di terzi in contatto con l'ente (dipendenti, collaboratori, fornitori, ecc.). Nella stragrande maggioranza dei casi, si tratta di informazioni che rientrano nel concetto di “dato personale” e, quindi, sono senz'altro da considerarsi sotto la tutela della normativa sulla privacy. Per questo, il modello 231 dovrebbe prevedere idonee misure atte a garantire i diritti delle società e dei terzi alla riservatezza e segretezza della documentazione.

di Fabio Ledda e Patrizia Ghini

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231