Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 29 Set 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Brevi cenni sulla responsabilità delle persone giuridiche in Germania

L'OWiG (Ordnungswidrigkeiten) trova la propria matrice ideologica nella dottrina del diritto penale amministrativo. La responsabilità, così come nel Modello italiano, si fonda sulla commissione di un reato, o di un illecito amministrativo, commesso da una determinata persona fisica. In sostanza, si tratta della tipica responsabilità dell'ente per fatto dei cd. apicali, benché la responsabilità trovi il proprio fondamento non nel reato o nell'illecito amministrativo commesso dal soggetto apicale, ma bensì nella mancata adozione delle misure di sorveglianza necessarie per impedire la commissione di reati o di illeciti amministrativi da parte delle altre persone fisiche riconducibili all'ente.

In termini generali, l'OWiG non stabilisce espressamente quali sono gli enti che possono essere responsabili in forza dei §§ 9 e 30. Tuttavia, in via interpretativa, è piuttosto agevole concludere che tale responsabilità riguarda solo le persone giuridiche, le associazioni non riconosciute e le società commerciali di persone. Per quanto concerne le imprese, secondo l'opinione prevalente, il § 30 è applicabile anche alle imprese pubbliche, ossia le imprese controllate in tutto od in parte dallo Stato.

La scelta di fondo del sistema tedesco è quella di una responsabilità concorrente, ma non solidale, dell'ente con la persona fisica che ha realizzato l'illecito. La responsabilità è concorrente, ma autonoma, in quanto la Geldbusse può essere irrogata all'ente anche quando per il reato o per l'illecito amministrativo commesso dalla persona fisica non venga iniziato alcun procedimento, ovvero se tale procedimento sia archiviato, ovvero se in tale procedimento non venga applicata alcuna sanzione alla persona fisica. Il § 130 prevede un ulteriore criterio di responsabilità dell'ente. Secondo le disposizioni dettate dalla citata disposizione costituisce illecito amministrativo il fatto del titolare di un'azienda o di un'impresa che ometta dolosamente o colposamente di adottare le misure di sorveglianza che sono necessarie per impedire nell'azienda o nell'impresa la violazione di doveri che incombono al titolare, e la cui inosservanza è punita con sanzione criminale o con pena pecuniaria amministrativa, qualora la violazione compiuta si sarebbe potuta evitare attraverso la doverosa sorveglianza.

di Fabrizio Gandini

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231