Rivista 231 Rivista 231
     HOME     CHI SIAMO     COLLABORATORI     AVVISI/BANDI 231    SHOPPING 231      COME ABBONARSI
Username: Password:
Mar, 20 Ott 2020
LE RUBRICHE


GLI INTERVENTI
ANNO 2020
ANNO 2019
ANNO 2018
ANNO 2017
ANNO 2016
ANNO 2015
ANNO 2014
ANNO 2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005


LE NOTIZIE


LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ E DEGLI ENTI

Normativa di Basilea 2 e d.lgs. 231/2001: strumenti pratici per l'orientamento delle imprese nella valutazione del rating e stima del "rischio d'impresa" per sanzioni ex d.lgs. 231/2001

Scopo ed utilità della normativa cd. Basilea 2 è quello di pervenire ad un'espressione obiettiva del merito creditizio del cliente da parte delle banche. Dal momento che la valutazione della meritevolezza riguarda l'affidabilità dell'impresa nel suo complesso e in una prospettiva di medio-lungo periodo, è evidente che non potranno restare fuori da questo giudizio quelle componenti valutative che impattano direttamente sul terreno dei rischi giuridici a carico dell'impresa, comprese le sanzioni previste a carico degli enti ex d.lgs. 231/2001. In questo scenario, le banche difficilmente potranno esimersi dal valutare, ai fini del rating da riconoscere alle imprese, se e in che misura esse si siano attrezzate per ridurre i rischi di sanzioni ex d.lgs. 231/2001 attraverso la redazione di Modelli Organizzativi.

Prendendo le mosse da un'ordinanza del Tribunale di Napoli, occorre analizzare le possibili conseguenze a carico della società derivanti dall'applicazione delle sanzioni ex 231/2001, ed in primis sul deprezzamento del valore del titolo sul mercato azionario, con conseguente (probabile) revisione del rating da parte delle banche creditrici.

Inoltre, analizzando i parametri con i quali l'Agenzia europea per gli investimenti attribuisce un rating alle più importanti società italiane quotate in borsa, emerge un vero e proprio input per le società a dotarsi di sistemi di governance orientati a condividere precisi valori di etica aziendale, che sono poi quei valori di fondo, in termini di ratio legis, che hanno portato all'introduzione nel nostro ordinamento del d.lgs. 231/2001. Allo stesso modo l'adozione di Modelli Organizzativi è requisito necessario per le società per far parte del listino STAR (Segmento titoli con alti requisiti, costituito da società che, su base volontaria, si impegnano a rispettare requisiti più stringenti in termini di trasparenza informativa, liquidità e governo societario).

di Anna Chiusano

[visualizza l'articolo completo]

LE RIVISTE

L'ULTIMO NUMERO

TUTTI I NUMERI

RICERCA ARTICOLI

E' possibile filtrare l'elenco degli articoli compilando i campi sottostanti.

Ricerca per ANNO:

Ricerca per AUTORE:

Ricerca per SEZIONE:

Ricerca per TESTO:


INDICE ANALITICO

LE RACCOLTE 231